Certi scorci non sanno che farsene dei filtri fotografici: a colorarli con mille sfumature ci ha pensato la Natura. Dalla Cina all'America, ecco i paesaggi arcobaleno da ammirare nelle giornate più grigie.

Caño Cristales River - COLOMBIA

Risultati immagini per Caño Cristales

Lo chiamano "il fiume dai 5 colori", o "arcobaleno liquido": in effetti il Caño Cristales, in Colombia, offre una gamma di colori che spazia dal giallo al rosso, al verde, passando per nero e blu. Il rosso vivo è prodotto da un'alga, la Macarenia clavigera, che fiorisce sui fondali da settembre a novembre, quando l'acqua è più bassa e più facilmente scaldata dal Sole.

Kawachi Fuji Garden - GIAPPONE

Si tratta di florido giardino colorato da 150 piante di glicine che potrebbe sembrare dipinto da un artista impressionista. E invece a fare la magia è la natura che si è letteralmente impossessata di questo lato di città, offrendo la possibilità di camminare attraverso un’esplosione di colori.

Grand Prismatic Spring - USA

antony_stone

I colori abbaglianti della Grand Prismatic Spring, la sorgente termale più grande degli Stati Uniti nonché la terza più grande al mondo, sono dovuti alla presenza di particolari batteri nelle sue acque altamente mineralizzate. La sorgente si trova nel Parco Nazionale dello Yellowstone, Wyoming.

Red seabeach - CINA

Immagine correlata

In una delle più grandi paludi al mondo, la composizione alcalina del terreno favorisce la crescita di alghe marine del genere Suaeda. Siamo nella Red seabeach, nella contea cinese di Dawa, e questo è lo spettacolo cui possiamo assistere.

Lake Hillier - AUSTRALIA

Risultati immagini per Lake Hillier

Il lago di colore rosa, si trova nei pressi di Middle Island, la più grande delle isole che compongono l'arcipelago Recherche, al largo della costa di Esperance. l'origine del colore del è ancora sconosciuta, ma forse la strana tonalità è dovuta alla presenza di particolari batteri nelle sue acque, innocue per i bagnanti.

Grand Canyon - ARIZONA

Sono proprio le infinite sfumature di rosso ad aver reso il Grand Canyon una delle attrazioni naturali più amate e visitate del mondo.

Chefchaouen - MAROCCO

Immagine correlata

Sul perché questa città sia dipinta di blu ci sono diverse teorie, alcuni sostengono che siano stati gli ebrei a dipingere le abitazioni per richiamare il colore blu del paradiso, secondo altri invece il motivo è puramente pratico: il blu funziona come repellente per le zanzare.

Montaña de Siete Colores - PERU

Sembra un dipinto, invece è tutto vero. Quando il ghiaccio che copriva il Vinicunca si è disciolto ha rivelato al mondo l’incredibile bellezza che nascondeva, ovvero i diversi strati minerali di cui la roccia era composta. Il rosso proviene dal ferro ossidato (noto anche come ruggine), il giallo è dovuto alla presenza di solfuro di ferro, il marrone porpora deriva dalla goethite o dalla limonite ossidata, e il clorito è ciò che causa la diversa tonalità di verde (esclusa la vegetazione).

Cigni selvatici è un romanzo autobiografico della scrittrice cinese Jung Chang.

Il romanzo racconta la vera storia di «tre figlie della Cina», cioè le vicissitudini della nonna di Jung Chang, della madre e dell'autrice stessa, le cui avventure, esperienze di vita e sofferenze si intrecciano inevitabilmente con la vita della società cinese nel tumultuoso XX secolo, carico di rivoluzioni, guerre, speranze e tragedie.

Il libro inizia raccontando la storia della nonna di Chang, Yu-fang. All'età di due anni le fu praticata la fasciatura dei piedi da parte della madre, fatto che le avrebbe causato dolori incessanti per il resto della vita. Dato che la famiglia di provenienza di Yu-fang era relativamente povera, suo padre aveva deciso di darla come concubina ad un potente signore della guerra, il generale Xue Zhi-heng. Da questa relazione solo ufficiale, Yu-fang ebbe una bambina, la mamma di Jung Chang.

Il libro prosegue poi parlando appunto della vita della madre di Jung Chang che ebbe un'infanzia abbastanza felice fino ad arrivare alla sua vita tumultuosa di adulta al fianco di un uomo che era molto coinvolto politicamente e che dovette attraversare periodi bui e molto difficili anche dopo la nascita della figlia.

La grande rivoluzione culturale iniziò quando Jung Chan era un'adolescente. Chang si arruolò spontaneamente nelle Guardie Rosse e assistette, senza partecipare, a molte delle azioni brutali compiute da questi ultimi. Al crescere del culto della persona di Mao crebbe anche la difficoltà della vita di tutti i giorni che si fece sempre più pericolosa.

Solo con la fine della rivoluzione culturale Jung Chang riesce a tornare a casa e a studiare per guadagnarsi un posto all'università di Pechino. Subito dopo essere riuscita ad ottenere un posto all'università per studiare inglese Mao muore. Grazie alla morte di Mao i criteri per le borse di studio ridivennero meritocratici e i candidati non vennero più scelti solo in base alla provenienza famigliare o all'estrazione sociale, grazie a questo Jung Chang riuscì a vincere una borsa di studio per l'Inghilterra.

Il libro si conclude con la sua partenza per il paese che diventerà la sua casa.

Questo libro a mio parere si fa odiare per quello che è successo alle protagoniste femminili, ma anche amare per la possibilità che ci offre di sapere di più di un mondo tanto lontano da noi sia fisicamente che, e soprattutto, culturalmente.

 

Per rimanere immersi in questa cultura cosi diversa dalla nostra, vi propongo una partenza imminente:

CINA - TOUR MARGHERITA

PARTENZA 28 DICEMBRE

10 giorni/ 8 notti

Prezzo speciale: da € 1640

PROGRAMMA:

ITALIA - SHANGHAI
Partenza per Shanghai con voli di linea (non diretti). Pasti e pernottamento a bordo.

SHANGHAI
Arrivo a Shanghai. Trasferimento in albergo. Sosta sulla strada lungofiume su cui si affaccia il grandioso porto fluviale sul Huang-po, e passeggiata sulla Nanking road, la principale arteria commerciale cittadina. Cena in ristorante locale e pernottamento in hotel.

SHANGHAI
Prima colazione. Visita al Giardino del Mandarino Hu e passeggiata nell'adiacente quartiere tradizionale conosciuto come la “città vecchia”. Il quartiere ospita un fervidissimo e ricco bazaar popolare. Seconda colazione in un ristorante della città. Nel pomeriggio, visita al Tempio del Buddha di Giada. Cena in ristorante locale. Pernottamento.

SHANGHAI - ZHUJIAJIAO - SUZHOU
Dopo la prima colazione, trasferimento in pullman a Zhujiajiao. Si tratta di un piccolo villaggio come quelli di Tongli o Zhuzhuang con i caratteristici ponticelli antichi di epoca Ming dato che sono intersecati da numerosissimi canali. Ma tra questi, Zhujiajiao ha una peculiarità: si tratta non solo di un villaggio cattolico ma di un villaggio che difese strenuamente la propria chiesa durante il periodo della rivoluzione culturale. Seconda colazione. Proseguimento per Suzhou. Suzhou è definita la "città della seta" ed anche la "Venezia della Cina". Arrivo a Suzhou. Visita al museo della produzione di seta. Cena in albergo. Pernottamento.

SUZHOU - XIAN
Prima colazione. Durante la mattinata verranno visitati il Giardino del Maestro delle Reti e la Collina della Tigre, risalente al XIV secolo. Seconda colazione in un ristorante locale. Nel pomeriggio, trasferimento in aeroporto e partenza per Xian. Cena in albergo. Pernottamento.

XIAN
Prima colazione. Escursione a Lintong, una località ubicata a 50 km a nord dal centro della città, dove sono state portate alla luce, dal 1974 ad oggi, circa 10.000 statue divenute famose con il nome di “Esercito di Terracotta” (ingresso incluso). Seconda colazione. Nel pomeriggio, sosta
sulla piazza della Pagoda della grande Oca e successivamente visita alla Pagoda della Piccola Oca Selvatica (chiusa il martedì). Passeggiata nel quartiere musulmano della città. In serata, banchetto tipico e spettacolo di musica e danze tradizionali cinesi. Pernottamento.

XIAN - PECHINO
Dopo la prima colazione, trasferimento alla stazione ferroviaria e partenza per Pechino. Seconda colazione con cestino a bordo. Giro orientativo dalla città, con sosta al centro olimpico. Cena in ristorante locale. Pernottamento.

PECHINO
Prima colazione. Trasferimento in pullman a Badaling per la visita alla Grande Muraglia. Dopo la seconda colazione, nel pomeriggio, visita del quartiere tradizionale degli houtong di Pechino. Cena in albergo. Pernottamento.

PECHINO
Prima colazione. Visita a Tien An Men ("Porta della Pace Celeste"), simbolo della Cina di ieri e di oggi. Visita alla Città Proibita (Palazzi Imperiali). Nel pomeriggio, dopo la seconda colazione, visita al Palazzo d’Estate. In serata, banchetto dell'Anatra Laccata. Pernottamento.

PECHINO - ITALIA
Prima colazione, trasferimento all’aeroporto e partenza per l'Italia con voli di linea (non diretti). Arrivo e fine dei servizi.

 

 

Vi aspettiamo in agenzia, affrettatevi i posti a disposizione sono in esaurimento!!!
E se non sapete dove trovarci... cliccate QUI.

Non saranno in cima alla lista delle guide gastronomiche o rinomati per le loro specialità, ma un merito questi locali ce l'hanno: sono alcuni fra i ristoranti più strani e suggestivi del mondo.

1. Ithaa Undersea Restaurant (Maldive)


Un ristorante sottomarino a 5 metri sotto il livello del mare. L'Ithaa Undersea Restaurant regala una splendida esperienza  ai suoi clienti, ovvero quella di poter cenare ammirando la caratteristica fauna marina. Solo 12 persone possono cenare contemporaneamente nel ristorante e la cifra ovviamente non è low cost: circa 250 dollari l'uno.

2. Ristorante Fangweng (Cina)

Se il pericolo è il vostro mestiere allora il Ristorante Fangweng è il locale giusto per voi, situato com'è su una scogliera a strapiombo sul fiume. Chi ci è stato giura che la struttura da l'impressione di non essere così stabile, ma anche questo farà parte questo dell'esperienza, no?

3. Yellow Treehouse Café (Nuova Zelanda)

A 40 metri da terra in cima a un albero: un pranzo sicuramente poco convenzionale quello al The Yellow Treehouse Restaurant. Il design è stato affidato allo studio di architettura PEL, che ha costruito tutta la struttura cercando di rispettare il più possibile l'ecosistema.

4. Villa Escudero (Filippine)

Quando si dice a contatto con la natura: Villa Escudero Resort si trova nelle Filippine e consente ai propri ospiti di mangiare proprio a ridosso delle cascata Lebasin Falls mentre l'acqua scorre sotto i loro piedi. In menu pietanze locali, e prima o dopo mangiato ci si può rilassare sdraiandosi per terra e godendosi il massaggio rigenerante dell'acqua.

5. 131 LONGITUDE (Australia)

Alta cucina nell'Uluru-Kata Tjuta National Park? Sì, in questo ristorante letteralmente nel nulla ai confini della natura australiana. Ospitalità e luoghi incontaminati: questo si che è lusso.

6. The Dining Pod (Thailandia)

Immagine correlata

Ancora un pasto sull'albero, ma in Thailandia il ristorante è un po' più riservato rispetto a quello della Nuova Zelanda. In più qui si cena in un una sorta di nido di bambù vista mare ma immerso nella boscaglia. Un po' "Io Tarzan, tu Jane" non trovate?

7. Cave Restaurant (Kenya)

Qui si cena in una grotta compresa di stalattiti e scorcio di cielo. Attorno luci calde per un'atmosfera esotica africana. Più romantico di così..

8. Turandot, Mosca (Russia)

Immagine correlata

Un ristorante super lussuoso nel centro di Mosca, il Turandot è un'esperienza da vivere, prima ancora che un ristorante. Gli ambienti interni ricercati e di lusso, ispirati a Luigi XVI, ai Ming e alla Russia imperiale, un vero e proprio tripudio di oro e arredi lussuosi, costituiscono una cornice spettacolare al vostro pasto, il tutto accompagnato dalla musica di un'orchestra tutta al femminile. La cucina è asian-fusion, troverete sushi, sashimi, Dim Sum e zuppe, quest'ultime decisamente consigliate. Mettete in preventivo di spendere sugli 80-100 euro a persona.

9. Asiate, New York City (USA)

Asiate

Tra i ristoranti più belli di New York trovate il fantastico ristorante panoramico Asiate, ubicato al 35esimo piano all'interno del Mandarin Oriental Hotel, con una vista spettacolare su Central Park e sui grattacieli di Manhattan. Il ristorante propone un'eccellente cucina fusion di influenza asiatica, per i prezzi ci aggiriamo sui 100-140 $ a persona.

10. Oblix, The Shard Londra (Regno unito )

Risultati immagini per the shard restaurant Oblix

Nella classifica annuale di Squaremeal dei ristoranti piú visitati di Londra nel 2013 al primo posto in assoluto, nonostante sia aperto solo da pochi mesi, troviamo l'Oblix restaurant, al 32esimo piano dello Shard, il grattacielo progettato da Renzo Piano che é diventato una delle maggiori attrazioni turistiche della capitale grazie alla vista spettacolare a 360 gradi che offre su Londra.

 

envelope-ophone-squaretwitterinstagramfacebook-officialwhatsapp