Caleidoscopio di ricchezze culturali e paesaggistiche, senza dimenticare l'offerta gastronomica, ricettiva e termale, il Paese del Sol Levante riserva meraviglie che sorprendono i suoi visitatori.

La parola che racchiude l'essenza del Giappone è "armonia con la natura", un'armonia che ritroviamo in ogni aspetto della vita di questo Paese.

Si può partire dal cibo; in Giappone infatti convivono numerose tradizioni culinarie. Alcune sono ben conosciute in Occidente, altre invece come il "Washoku", aspettano solo di essere scoperte. Washoku letteralmente significa "cibo giapponese" ma racchiude in se un significato speciale, evocato dal "kanji 'wa", che vuol dire armonia. Tutto ruota intorno al rispetto della natura e all'alternanza delle stagioni, i cui prodotti vengono raccolti o pescati  nel loro miglior momento stagionale, chiamato "shun", dopodichè intagliati ed accostati come fossero opere d'arte.

Raw Fish Slice, Gourmet, Kaiseki, SalmonPike Ssam, Spice Up The Pike, The Korean Spice Pike

Anche dal punto di vista architettonico l'armonia è fondamentale. In Giappone coesistono tradizione e modernità, che si possono ammirare nella struttura in legno più antica al mondo, il Tempio di Horyu-ji, e quella più grande al mondo, il Tempio di Todai-ji. I progetti ed i materiali contemporanei possono differire da quelli utilizzati in passato, ma la tradizione che sottolinea l'armonia necessaria con la natura è sopravvissuta e si esprime in molti dei capolavori progettati dagli architetti giapponesi.

Risultati immagini per Horyu-jiRisultati immagini per Todai-ji

Il Giappone vanta  22 luoghi Patrimonio Unesco, a loro volta suddivisi in 18 della cultura e 4 della natura. E' un paese che soddisferà tutti quanti. Gli appassionati di cicloturismo possono contare su molteplici intinerari pensati apposta per loro e in numero superiore alle aspettative. Meritevole di menzione è la pista ciclabile Shimanami Kaido, che si snoda tra le isole del mare interno di Seto.

Risultati immagini per Shimanami KaidoRisultati immagini per Shimanami Kaido

Ci sono anche possibilità di trekking; basti pensare a Yakushima il cui clima varia passando da quello caratteristico di un luogo sub-tropicale a quello tipico di una latitudine sub-artica. Foreste, cascate e spiagge moltiplicano la possibilità di fare attività all'aria aperta. Dal kayak allo snorkeling, ma il trekking verso lo "Jomon sugi" simbolo di Yakushima, rimane la scelta obbligata per chi visita l'isola.

Risultati immagini per YakushimaMountain, Snow, Cloud, 永田岳, Yakushima Island

Poi c'è Miyakejima, che fa parte delle isole Izu ed è il luogo ideale per condividere i ritmi quotidianio dei pescatori nei villaggi e fare attività marine, dalla pesca al nuoto con i delfini, dal cicloturismo all'hiking alle pendici di un vulcano. Per gli amanti del birdwatching, oltre alle numerose specie di volatili presenti, l'isola di distingue per una specie endemica di merlo.

Miyajima, Gate, ToriRisultati immagini per Yanbaru

A quasi due ore di volo da Tokyo, inoltre, si trova il parco naturalistico Tancho Zuru, mentre a oriente nell'isola di Hokkaido c'è il Parco Naturale di Shiretoko. A nord dell'isola di Okinawa, è consigliata una visita alla foresta di Yanbaru, mentre per gli appassionati della fauna marina c'è la baia di Kabira, inserita nella guida verde Michelin e che fa parte del parco nazionale di Iriomote-Ishigaki: nove isolette deserte da esplorare con il sup, da cui osservare il sottofondo marino.

Risultati immagini per ShiretokoRisultati immagini per Iriomote-Ishigaki

Per chi preferisce il pellegrinaggio c'è il Kumano Kodo, rete di sentieri nella regione del Kansai. I "Kodo", cioè le antiche strade percorse da oltre 1000 anni dai monaci e dai pellegrini tra le diverse aree sacre della penisola di Kili, sono parte del patrimonio Unesco.

Risultati immagini per Kumano KodoRisultati immagini per Kumano Kodo

Una chicca è infine Shikoku, la più piccola e meno popolata tra le quattro isole maggiori del Giappone, da cui partono escursioni giornaliere dirette alle isole del Mare interno di Seto e in cui troviamo la Valle di Iya, luogo straordinario e meta di escrursionismo con le gole dalle pareti a picco e montagne ricoperte di fitti boschi. Le strade strette e tortuose e le gelide acque azzurre del fiume Yoshino permettono escursioni nella zona del monte Tsurugi e rafting nelle gole di Oboke e Koboke. Imprescindibile, inoltre, è l'attraversamento del ponte di liane Kazura-bashi per ammirare la cascata di 50 metri Biwa-no-taki.

Risultati immagini per ShikokuRisultati immagini per Shikoku

Fonte: Il Giornale del Turismo

Non saranno in cima alla lista delle guide gastronomiche o rinomati per le loro specialità, ma un merito questi locali ce l'hanno: sono alcuni fra i ristoranti più strani e suggestivi del mondo.

1. Ithaa Undersea Restaurant (Maldive)


Un ristorante sottomarino a 5 metri sotto il livello del mare. L'Ithaa Undersea Restaurant regala una splendida esperienza  ai suoi clienti, ovvero quella di poter cenare ammirando la caratteristica fauna marina. Solo 12 persone possono cenare contemporaneamente nel ristorante e la cifra ovviamente non è low cost: circa 250 dollari l'uno.

2. Ristorante Fangweng (Cina)

Se il pericolo è il vostro mestiere allora il Ristorante Fangweng è il locale giusto per voi, situato com'è su una scogliera a strapiombo sul fiume. Chi ci è stato giura che la struttura da l'impressione di non essere così stabile, ma anche questo farà parte questo dell'esperienza, no?

3. Yellow Treehouse Café (Nuova Zelanda)

A 40 metri da terra in cima a un albero: un pranzo sicuramente poco convenzionale quello al The Yellow Treehouse Restaurant. Il design è stato affidato allo studio di architettura PEL, che ha costruito tutta la struttura cercando di rispettare il più possibile l'ecosistema.

4. Villa Escudero (Filippine)

Quando si dice a contatto con la natura: Villa Escudero Resort si trova nelle Filippine e consente ai propri ospiti di mangiare proprio a ridosso delle cascata Lebasin Falls mentre l'acqua scorre sotto i loro piedi. In menu pietanze locali, e prima o dopo mangiato ci si può rilassare sdraiandosi per terra e godendosi il massaggio rigenerante dell'acqua.

5. 131 LONGITUDE (Australia)

Alta cucina nell'Uluru-Kata Tjuta National Park? Sì, in questo ristorante letteralmente nel nulla ai confini della natura australiana. Ospitalità e luoghi incontaminati: questo si che è lusso.

6. The Dining Pod (Thailandia)

Immagine correlata

Ancora un pasto sull'albero, ma in Thailandia il ristorante è un po' più riservato rispetto a quello della Nuova Zelanda. In più qui si cena in un una sorta di nido di bambù vista mare ma immerso nella boscaglia. Un po' "Io Tarzan, tu Jane" non trovate?

7. Cave Restaurant (Kenya)

Qui si cena in una grotta compresa di stalattiti e scorcio di cielo. Attorno luci calde per un'atmosfera esotica africana. Più romantico di così..

8. Turandot, Mosca (Russia)

Immagine correlata

Un ristorante super lussuoso nel centro di Mosca, il Turandot è un'esperienza da vivere, prima ancora che un ristorante. Gli ambienti interni ricercati e di lusso, ispirati a Luigi XVI, ai Ming e alla Russia imperiale, un vero e proprio tripudio di oro e arredi lussuosi, costituiscono una cornice spettacolare al vostro pasto, il tutto accompagnato dalla musica di un'orchestra tutta al femminile. La cucina è asian-fusion, troverete sushi, sashimi, Dim Sum e zuppe, quest'ultime decisamente consigliate. Mettete in preventivo di spendere sugli 80-100 euro a persona.

9. Asiate, New York City (USA)

Asiate

Tra i ristoranti più belli di New York trovate il fantastico ristorante panoramico Asiate, ubicato al 35esimo piano all'interno del Mandarin Oriental Hotel, con una vista spettacolare su Central Park e sui grattacieli di Manhattan. Il ristorante propone un'eccellente cucina fusion di influenza asiatica, per i prezzi ci aggiriamo sui 100-140 $ a persona.

10. Oblix, The Shard Londra (Regno unito )

Risultati immagini per the shard restaurant Oblix

Nella classifica annuale di Squaremeal dei ristoranti piú visitati di Londra nel 2013 al primo posto in assoluto, nonostante sia aperto solo da pochi mesi, troviamo l'Oblix restaurant, al 32esimo piano dello Shard, il grattacielo progettato da Renzo Piano che é diventato una delle maggiori attrazioni turistiche della capitale grazie alla vista spettacolare a 360 gradi che offre su Londra.

 

envelope-ophone-squaretwitterinstagramfacebook-officialwhatsapp